......
................................................... ..... ..... ..... .....

Cerca nel blog

La serie tornerà in onda con la 4° stagione il 13 ottobre. Benvenuti su The Walking Dead Italia.

venerdì 19 ottobre 2012

Lincoln: Quando muore un personaggio, facciamo una death dinner

“Ci sono più zombie uccisi nella mezz'ora in questo primo episodio che in tutta la prima stagione”,  ha esordito Lincoln:  “ma poi ci sarà più spazio per le storie, per la componente umana, per i sentimenti”. Pare proprio che il simpatico Andrew abbia addirittura messo bocca in fase di sceneggiatura, fornendo spunti interessanti sull’evoluzione del suo personaggio e sulle varie trame legate agli altri componenti del gruppo.  “Ho fatto il grande errore di chiedere cosa bollisse in pentola per me e i ragazzi”,  dice sorridendo: “non avrei mai dovuto: succederanno delle cose incredibili, drammatiche, brutali. Starete a vedere, i colpi di scena non mancheranno di certo”.

Entusiasmo anche per i nuovi personaggi che hanno fatto la loro comparsa sul set, senza dimenticare i vecchi amici: “Michonne è un personaggio assolutamente incredibile e Danai Gurira l’interprete perfetto per il ruolo. Una vera e propria guerriera che regge la scena da sola, grazie anche alla regia delle sequenze sempre più dinamiche e spettacolari. David Morrisey continua l'attore è anche lui perfetto per vestire i panni del governatore, l’altra new entry , ma posso dire che non c’è stata nessuna intercessione per l’assegnazione del personaggio a lui. Siamo ottimi amici, ma non ho spinto in nessun modo per averlo a bordo, nonostante sia felicissimo del suo arrivo" . " Di contro, la parte peggiore del lavoro girando The Walking Dead ", racconta Lincoln: "è stata dover salutare degli amici e dei colleghi esclusi dal cast a causa della scomparsa dei loro personaggi. Per sdrammatizzare, abbiamo quindi pensato a una sorta di saluto, un’ultima cena con tanto di foto ricordo da appendere negli uffici della produzione che noi chiamiamo death dinner , per celebrare il passaggio nel paradiso degli zombie”.



Tra centinaia di fan scatenati a caccia di autografi o di una foto ricordo,  non si potevano non spendere due parole sul futuro di The Walking Dead: “Fino a qualche tempo fa non avrei mai pensato di appassionarmi così tanto a un genere come questo mentre oggi mi ritrovo in prima linea quando si tratta di zombie, di questo horror un po’ diverso da quello classico di cui poi in Europa abbiamo grande considerazione e una tradizione importante. Quel che sarà in futuro è ancora nelle abili mani degli sceneggiatori, della Amc e di chi ha curato il prodotto. Personalmente, avrò il mio bel da fare con il radicare cambiamento del personaggio di Rick, molto più introverso, deciso e in un certo senso cattivo…ma era uno dei punti più su cui è stata costruita la fortuna della serie a fumetti da cui non si poteva prescindere. I colpi di scena, come ho già detto, saranno tantissimi”.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento

Lettori fissi